"Cucinare è come amare... o ci si abbandona completamente o si rinuncia."
(Harriet Van Horne)


Pagine

lunedì 21 dicembre 2009

Crema di zucca




Finalmente riesco a dedicarmi un pò al blog oggi! Dovrei esserne felice, se non fosse che il motivo per cui ho trovato un attimo di tempo è perchè la maledetta neve ha colpito ancora.
Le diverse previsioni del tempo erano tutte d'accordo e ci hanno azzeccato: dalle 15 neve copiosa su Milano. A dire il vero ha anticipato di un quarto d'ora, ma la sostanza non cambia.
E così non mi sono mossa da casa, vale a dire che non ho aperto il negozio e che ho perso un giorno di lavoro... anche se credo che nemmeno il ballerino più accanito oggi abbia come priorità quella di imbattersi in questo tempo osceno per comprare le scarpe da ballo nuove!
Nevica da circa tre ore e se n'è depositata già tantissima. Se continua così credo domattina sarà tristissima la situazione... infatti abito in una periferia milanese dimenticata dalle operazioni di spargimento di sale e di rimozione dei cumuli di neve. Noi ce la teniamo fino a Pasqua!
Quindi domattina abbigliamento da sfigata spazzaneve, camminata incerta fino alla macchina (quando la troverò ovviamente) e poi tentativi di liberazione dell'autovettura sepolta.

C'è chi riesce ad essere felice della neve a Milano... mah!

Considerando il mio odio per la neve non mi azzardo nemmeno a fare foto a questo scempio di panorama perchè a malapena guardo fuori dalla finestra onde evitare di deprimermi.







Ma passiamo volentieri alla ricetta pescata dal mio troppo nutrito archivio.
E viste le temperature polari di questi giorni non poteva essere più azzeccata per tentare di scaldarsi le ossa... per le mie non c'è più speranza. Il freddo mi è ormai penetrato troppo dentro. Mi riprenderò solo ad estate inoltrata.

La ricetta è presa dal mitico GZ ed è di una facilità estrema. La cosa più difficile (nel mio caso visto come è stipata la roba a casa mia) è tirare fuori il vecchio frullatore dal fondo dell'armadietto... Prima o poi comprero anche un simil Minipimer.
Ingrediente principale: la zucca, rigorosamente quella dell'orto dello zio Giovannino!!! Mitico!








Ingredienti:

1 kg zucca
200 gr patate
1 spicchio d'aglio
5/6 foglie di basilico
1 litro di brodo vegetale
30 gr burro
1/4 di cucchiaino di cannella
2 cipolle (io ne messa decisamente meno...)
1 ciuffo di prezzemolo
2 foglie di salvia
1 rametto di maggiorana
olio evo q.b.
sale q.b.
pepe (io non l'ho messo)
Parmigiano q.b.
Dopo avere tolto la buccia e i semi, tagliare la polpa di zucca a pezzetti, sbucciare le patate e tagliarle anch’esse a quadratini.
Mondare le cipolle, tritarle finemente e metterle a soffriggere in una pentola con il burro, l’olio d’oliva e l’aglio schiacciato (io l'ho solo diviso in due).
Aggiungere i pezzetti di polpa di zucca e le patate, e mescolando, lasciarle ammorbidire.
Aggiungerle a poco a poco, quando serve, il brodo vegetale, poi legare le erbe aromatiche in un mazzetto ed unirle agli altri ingredienti (io ho usato erbe in polvere).
Sempre aggiungendo il brodo quando serve, lasciare cuocere il tutto per circa 25-30 minuti a fuoco dolce.
Trascorso il tempo necessario, togliere il mazzetto di erbe e passare la crema al frullatore (o minipimer); aggiustare di sale, aggiungere del pepe macinato fresco, un pizzico di cannella in polvere e un filo di olio extravergine d’oliva.
Servire la crema calda, accompagnata da un’abbondante spolverata di Parmigiano Reggiano e crostini di pane tostato.







2 commenti:

  1. Zucca e patate, che bell'accostamento!bACI Clementina

    RispondiElimina
  2. Ciao...c'è un premio per te nel mio blog!!! Ti aspetto!

    RispondiElimina